il manifesto del 04.08.2020

Nel giorno dell’inaugurazione in pompa magna del nuovo ponte San Giorgio non tutta Genova fa festa: «C’è il rischio che finisca tutto con questa ubriacatura di felicità». I parenti delle vittime chiedono giustizia. E oggi la gestione torna ad Autostrade, in via provvisoria