closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 06.08.2020

Si scava ancora sotto le macerie, a Beirut, il giorno dopo la terribile esplosione che ha sconvolto la capitale libanese provocando almeno 140 morti e migliaia di feriti. Ospedali al collasso, mentre scattano i primi arresti per lo stoccaggio del nitrato di ammonio nel porto. Tra gli abitanti monta la rabbia: «È una strage di stato»

LIBANO

Una “bomba galleggiante” contro Hezbollah

Michele Giorgio

Le forze libanesi avversarie di Siria e Iran pronte ad usare la vicenda della nave carica di nitrato di ammonio per isolare e colpire il movimento sciita libanese alleato di Tehran e Damasco

L’appello delle ong italiane: aiuti subito

Raffaele K. Salinari

Il sistema sanitario, già provato dalla pandemia di Covid-19, è al collasso. Serve un intervento urgente dell'Europa e dell'Italia, scrive il Coordinamento Italiano delle NGO Internazionali

Beirut solidale: «Le nostre case sono aperte»

Red. Esteri

Sui social corre la solidarietà: cittadini, hotel, scuole mettono a disposizione stanze per chi ha perso tutto. I tassisti offrono corse gratis. E una pagina Instagram aiuta a ritrovare i dispersi

BEIRUT/L'intervista

Amin Maalouf: «I miei ricordi nella città ferita»

Guido Caldiron

Parla lo storico e romanziere, membro dell’Académie française, autore de «Il naufragio delle civiltà» (La nave di Teseo). «Il Libano è un Paese piccolo, questa è una tragedia che tocca un intero popolo. Penso alle vittime che conosco e alle case di amici e parenti andate distrutte»

Internazionale

«Avevamo riscattato i luoghi oscuri della guerra civile, ora non ci sono più»

Sonia Grieco

Colpiti i quartieri poveri e ricchi, gli edifici storici, le strade della movida e dei caffè. Le voci degli artisti e dei collettivi: «Qui da alcuni anni gli ex capannoni industriali si erano trasformati in centri culturali, locali, teatri. Una sorta di riscatto, le milizie falangiste li avevano occupati e usati come luoghi di prigionia e tortura. Non riesco a immaginare come possano tornare a riaprire»

Politica

Dem contro su legge elettorale e referendum

Andrea Fabozzi

Il capogruppo al senato del Pd smentisce il segretario Zingaretti: fidiamoci degli alleati, per il proporzionale appuntamento a dopo il 20 settembre. La replica dalla camera: no, serve un passaggio prima. Il 12 agosto la Consulta esamina 4 ricorsi: la strada del rinvio. Atteso intervento di Casellati e Fico per più informazione

Commenti

Referendum, non ci sono alternative al No

Alfonso Gianni

Il campo del Sì scricchiola e potrebbe crollare. Il Pd si è infilato in un vicolo cieco. E della nuova legge elettorale no si ha notizia né dei contenuti né dei tempi di discussione

Internazionale

Un tempio per gli ultrahindu, Modi pone la prima pietra

Matteo Miavaldi

Il primo ministro riattizza l’odio suprematista sulle ceneri della moschea di Ayodhya. Il luogo di culto dedicato alla divinità Ram sarà ultimato entro tre anni. Un punto di non ritorno nel processo di demolizione della «vecchia India» immaginata dal padre della patria Jawaharlal Nehru

Cultura

Georges de la Tour, il lorenese della luce

Maria Cristina Terzaghi

La rassegna dedicata al pittore francese a Palazzo Reale, curata da Francesca Cappelletti e Thomas Clement Salomon (catalogo Skira), è stata prolungata fino al 30 settembre

Il cinema fra arte e scatola magica

Eugenio Renzi

Prima appuntamento con una storia sulla fruizione delle immagini in movimento, dalle fiere allo streaming. Un viaggio nel tempo per scoprire le origini del grande schermo, messo in crisi da pandemia e piattaforme

Bif&st 2020, un’edizione dedicata a Monicelli

Redazione visioni

Da «The Personal History of David Copperfield» di Armando Iannucci a «Sympathie pour le diable» di di Guillaume de Fontenay, il programma del Festival che si terrà dal 22 al 30 ottobre

Bombe nucleari ad Aviano. Italia, ripensaci

Lisa Clark

Davanti alla base di Aviano, che custodisce armi nucleari, 75 anni dopo la distruzione di Hiroshima e Nagasaki. Perché non accada mai più e le bombe atomiche siano messe al bando per sempre

L'Ultima

Preghiera per la morte atomica

Luca Kocci

75 anni fa il bombardamento di Hiroshima e poi di Nagasaki. Due ogive americane uccisero, subito, più di 200 mila civili. La Chiesa Usa con papa Francesco: «Basta armi nucleari»

ExtraTerrestre

Girasole, il futuro è biologico

Francesco Bilotta

L’olio della pianta che segue il sole sta sostituendo quello di palma e sta diventando un business globale. Russia e Ucraina forniscono più di metà della produzione mondiale. E la nuova frontiera è il bio

Caffaro, la bonifica non sana le ferite

Andrea Cegna

In agosto sarà approvato il decreto per il via libera alla bonifica del sito industriale che per anni ha inquinato Brescia. I rischi ambientali restano alti

Terra Nuova ha 40 anni di vita

Teodoro Margarita

La storia di un giornale-movimento germogliato nel Settantasette che per primo ha colto l’esigenza di trovare una via nuova per rapportarsi con la politica e con la natura. Era un bollettino, oggi è anche una solida casa editrice

«Basta vigneti, vogliamo il parco»

Giorgio Vincenzi

Alcuni cittadini nel veronese stanno raccogliendo fondi per acquistare un’area di 38 ettari che l’industria del vino vuole trasformare in vigneto. Bisogna racimolare 360 mila euro, la prossima asta si terrà a fine ottobre

Tutti i veleni della Solvay di Spinetta

Mauro Ravarino

Nella frazione di Alessandria i cittadini sono in lotta contro la catastrofe sanitaria provocata dall’inquinamento della fabbrica. Che nega e minaccia il trasloco

Scopri
il manifesto: Tutto Digitale

Tutto digitale

Accesso illimitato a tutti i prodotti digitali del manifesto su Web, App (iOs e Android) e pdf dal 2013 a oggi. Un'unica tariffa, un'unica soluzione.

Voglio Abbonarmi L'offerta completa