closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Emmy Hennings, vivo nel forse

Maestri in ombra / Speciale estate . Dadaismo zurighese. Nel 1916 fonda con Hugo Ball, suo compagno, il Cabaret Voltaire. Ne è l’anima femminile, rimossa

Emmy Hennings in una foto di anonimo, ca. 1910-’13

Emmy Hennings in una foto di anonimo, ca. 1910-’13

Ho dimenticato il mio nome, e il mio volto». Si chiamava Emmy Hennings o Ball-Hennings (1885-1948), nata Emma Maria Cordsen, ed era una poetessa, scrittrice e performer. Incidentalmente, Emmy è stata la «stella» del Cabaret Voltaire, una stella che però ha brillato a lungo di luce riflessa, emarginata dalla narrazione patriarcale come attricetta demi-monde che si riscatta grazie all’amore per un uomo di genio, Hugo Ball, e quindi si realizza come vedova devota al culto del defunto marito. Certo, lei ha fatto poco per riscuotere la gloria che le sarebbe spettata e anzi ha preferito defilarsi, lasciando che fossero altri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi