closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Garcilaso de la Vega, il sogno pastorale attraversato da oscuri timori

Le poesie complete del cinquecentesco spagnolo Garcilaso de la Vega. Celebrata da Cervantes, la sua patetica, tormentata Arcadia ci viene oggi restituita in un’ottima traduzione di Mario Di Pinto

Dosso Dossi, «Circe e i suoi amanti in un paesaggio», Washington, National Gallery of Art

Dosso Dossi, «Circe e i suoi amanti in un paesaggio», Washington, National Gallery of Art

Nella seconda parte del Don Chisciotte (II, 58) due graziose giovani vestite da pastorelle offrono ai nostri eroi la messa in scena di un’egloga – si tratta della seconda, la più teatrale – di Garcilaso de la Vega. Questa rievocazione dell’Arcadia è un chiaro omaggio al suo più grande cultore e poeta, che Cervantes chiama «el famoso poeta Garcilaso». Garcilaso (1501-’36) è un emblema vivente per la sua epoca: è il perfetto cortigiano celebrato da Castiglione, si muove in un teatro ideale in cui i colpi di spada sono gesti da galateo aristocratico e l’avventura individuale si concreta in piccole...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi