closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Splendori e miserie di una famiglia, nel Bengala crudele

Neel Mukherjee termina la sua epopea. Sullo sfondo di azioni terroriste dei naxaliti e dei figli maoisti della borghesia, i destini di quattro generazioni: «La vita degli altri», da Neri Pozza

Reena Saini Kallat, senza titolo

Reena Saini Kallat, senza titolo

Esattamente quarantotto anni dopo l’agghiacciante «prologo» scritto del 1966, Neel Mukherjee – nato nel 1970 a Calcutta, un anno prima della fondazione dello stato del Bangladesh – conclude il suo romanzo-mondo, uscito del 2014, La vita degli altri (Neri Pozza, ottima traduzione di Norman Gobetti, pp. 605, € 20,00). È un mondo lontano dal nostro: tutto il Bengala, occidentale e orientale, sembra il luogo scelto da secoli dalla dea Fame per fondarvi il proprio regno, con l’immancabile corteggio di malgoverno, corruzione, rivolte, persecuzioni. La carestia del 1770 fece milioni di vittime. Nel 1943 un’altra carestia si limitò a tre milioni....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi